Ospedali Regionali
Torna a Ospedali Regionali News

Blocco vaccini, per l'Agenzia europea del farmaco non ci sono rischi

I risultati dei test hanno confermato la sicurezza di questo vaccino antinfluenzale. L'Aifa : "Ora bisogna ripristinare la fiducia"

In merito ai due lotti di vaccini anitnfluenzale Fluad che sono stati analizzati nei giorni scorsi, il Presidente dall'Agenzia italiana del farmaco, Sergio Pecorelli, in una nota stampa a seguito della riunione del Comitato di valutazione dei rischi per la farmacovigilanza (PRAC) dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA), afferma:

"Dopo un'attenza valutazione di tutte le evidenza disponibili, il Comitato di valutazione dei rischi per la farmacovigilanza (PRAC), riunito presso l'Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) a Londra, ha concluso che non esiste alcun nesso causale tra i vaccini antinfluenzali Fluad e gli eventi avversi segnalati in questi giorni. L'aumentata frequenza risente certamente dell'impatto mediatico su operatori sanitari e cittadini dei primi casi inseriti nella Rete Nazionale di Farmacovigilanza, che hanno determinato il divieto di utilizzo a scopo cautelativo di due lotti adottato dall'Aifa. E' particolarmente importante ora ripristinare un clima di fiducia e serenità rispetto alla vaccinazione antinfluenzale e ribadirne l'importanza nella prevenzione delle complicanze dell'influenza, che ogni anno sono causa di migliaia di decessi, specie nella popolazione anziana".

L'esito delle prime analisi effettuale sui vaccini Fluad appartenenti ai lotti bloccati (143301 e 142701) è infatti stato completamente negativo ed i risultati dei test, rileva Pecorelli, "hanno confermato la sicurezza di questo vaccino". Si attendono ora i test rimanenti ai quali sta lavorando l'Istituto superiore di sanità (test di sterilità e di tossicità anormale) e che termineranno tra circa tre settimane. Tuttavia, "le caratteristiche dei decessi riportati, sembrano già escludere una contaminazione da microrganismi" anticipa Pecorelli.

Sulla base di queste considerazioni, l'AIFA ribadisce l'invito a tutti i soggetti, in particolare quelli a rischio, a sottoporsi alla vaccinazione per evitare di andare incontro alle complicanze dell'influenza, che ogni anni causano circa 8.000 decessi in Italia, in particolare negli over 65 anni.

Per maggiori informazioni è attivo il numero gratuito 1500 del Ministero, tutti i giorni dalle 9 alle 18.