Ospedali Regionali
Torna a Ospedali Regionali News

Italia, si discute ancora per il Congedo mestruale

L’Italia potrebbe essere il primo Paese occidentale ad attivare il Congedo Mestruale per le donne lavoratrici. Il congedo consisterebbe in tre giorni di permesso al mese in cui le donne potranno assentarsi dal lavoro senza doversi mettere in malattia o in ferie, a fronte di una certificazione medica che attesti vi sia una dismenorrea, ovvero un ciclo doloroso.

Un disegno di legge già stato presentato alla Camera il 26 aprile 2016 da quattro deputate del Pd (Romina Mura, Daniela Sbrollini, Maria Iacono e Simonetta Rubinato) ed è ora allo studio della Commissione Lavoro. 

Chi può beneficiarne

L'iniziativa di legge si rivolge alle lavoratrici con:

Pro e Contro

Da una parte potrebbe essere un’importante facilitazione per tutte quelle donne che soffrono particolarmente il periodo mestruale e che in alcuni casi può essere invalidante, costringendo a letto per ore o per alcuni giorni, le stime sono allarmanti: dal 60% al 90% delle donne soffrono durante il ciclo mestruale e questo causa tassi del 13–51% di assenteismo a scuola e del 5-15% di assenteismo lavorativo.

D'altra parte, sostengono critici e critiche, un congedo mestruale potrebbe avere conseguenze negative per le donne stesse, che potrebbero essere ulteriormente penalizzate nel mondo del lavoro, scoraggiandone ulteriormente l'impiego o l'avanzamento di carriera. Come ha sottolineato al quotidiano britannico l'Independent Daniela Piazzalunga, economista all'Istituto per la ricerca valutativa sulle politiche pubbliche (Fbk-Irvapp), "le donne già prendono dei giorni a causa dei dolori mestruali, ma la nuova legge permetterebbe loro di farlo senza usare i permessi per malattia o simili. Il Washington Post, ricorda che l’Italia ha il tasso femminile di partecipazione alla forza lavoro tra i più bassi, con solo il 61% delle donne impiegate contro la media europea del 72%. 

Intanto, alcune grandi aziende hanno già introdotto il congedo mestruale, Nike nel 2007 e Coexist, un'azienda di Bristol, nel marzo dell'anno scorso.