Ospedali Regionali
Torna a Ospedali Regionali News

Misure contro la resistenza agli antibiotici, l’approccio One Health

La Presidenza dell’Unione Europea ha organizzato una conferenza ministeriale avvenuta il 9 e il 10 febbraio sulla resistenza agli antibiotici. Hanno partecipato i ministri della Salute dei paesi dell’UE e della SEE (Spazio Economico Europeo) che si sono riuniti ad Amsterdam al Marine Etablissement Amsterdam (MEA), unitamente al commissario europeo per la Salute e la sicurezza alimentare Vytenis Andriukaitis e al Segretario Generale dell’OMS, Dr. Margaret Chan. 

Lo scopo della conferenza è stato quello di sottolineare la necessità di un approccio "One Health", che riunisce sia la salute umana che quella animale, per poter fronteggiare il crescente problema della resistenza antimicrobica, che, nella sola Europa, è responsabile di 25 000 morti e che sta costando all’Europa 1,5 miliardi di euro in costi sanitari aggiuntivi e in altre implicazioni economiche.

I superbatteri in questione sono diventati resistenti a diversi tipi di antibiotici e hanno più possibilità di svilupparsi quando gli antibiotici non sono utilizzati in modo corretto, come ad esempio quando i pazienti non concludono il ciclo completo di antibiotici o quando vengono dati agli animali preventivamente per prevenire la malattia. Questi superbatteri diventano difficili da trattare, possono arrivare a mettere una persona in pericolo la vita.

Questi batteri possono essere contratti da un contatto diretto, in ospedale o mangiando del cibo infetto, come ad esempio una fetta di carne non cotta bene proveniente da un animale infetto.

Al momento è già attivo un piano d’azione che nel 2011 la Commissione dell'UE ha avviato per proteggere sia la salute umana che qualla animale. Il piano d'azione ha attraversato un periodo di cinque anni e giungerà al termine nel 2016. Una valutazione del piano d'azione della Commissione è attualmente in corso e le conclusioni preliminari sono già disponibili. Questa valutazione faceva parte del contributo della Commissione alle discussioni durante la conferenza ministeriale.

L’approccio One Health proposto riconosce il legame tra la salute degli esseri umani, quella degli animali e l’ambiente e prevede: