Ospedali Regionali
Torna a Ospedali Regionali News

Quando si tratta di imparare, cosa è meglio? Il bastone o la carota?


I ricercatori dell'UNIGE hanno scoperto che siamo più fiduciosi nelle nostre decisioni ed eseguiamo le nostre scelte più rapidamente se stiamo inseguendo una ricompensa, ma siamo più flessibili quando cerchiamo di evitare di essere puniti.

Il potenziale di vincere o perdere denaro influenza la fiducia che si ha nelle proprie decisioni? Cosa aiuta ad imparare più velocemente? I Ricercatori dell'Università di Ginevra (UNIGE), in Svizzera, in collaborazione con l'Università di Amsterdam e ENS di Parigi, hanno indagato sull'importanza della fiducia in un contesto di apprendimento attraverso un sistema di punizione e ricompensa monetaria. Hanno dimostrato che diventiamo più fiduciosi nelle nostre scelte quando impariamo a cercare ricompense rispetto a quando impariamo a evitare le perdite. Tuttavia, questa fiducia si evolve rapidamente in eccessiva sicurezza, il che ci lascia pensare che siamo migliori di quanto siamo in realtà. L'apprendimento in un contesto di perdita mitiga questi errori di giudizio. Inoltre, la prospettiva di guadagni monetari ci rende meno flessibili, mentre il timore di perdere denaro preserva la nostra capacità di adattamento. I risultati completi di questa ricerca si possono trovare nella rivista PLoS Computational Biology.

 

Valutiamo le nostre capacità di apprendimento in base a quanta sicurezza abbiamo nelle decisioni inerenti. Ma la nostra capacità di apprendere e giudicare le nostre decisioni può essere influenzata da fattori economici? In altre parole, giudichiamo la nostra performance in modo identico di fronte a una situazione che comporta guadagni o perdite monetarie?

I ricercatori dell'UNIGE hanno testato 84 partecipanti per indagare sul pregiudizio di fiducia nel contesto dell'apprendimento basato sulla ricompensa o sulla punizione, noto come apprendimento di rinforzo. "Il principio è semplice", inizia Maël Lebreton, ricercatrice presso il Centro svizzero per le scienze affettive dell'UNIGE (CISA). "Ai partecipanti sono stati mostrati due simboli astratti su uno schermo. Un simbolo era associato ad una probabilità del 75% di vincere 50 centesimi e il secondo solo al 25% di probabilità di vincere. Per ogni prova, hanno dovuto scegliere uno dei simboli per cercare di vincere e valutare quanto erano sicuri nella loro scelta. Mentre il compito progrediva, i soggetti imparavano a perfezionare le loro decisioni identificando il simbolo che pagava di più." Il principio era invertito per la perdita: ai partecipanti veniva chiesto di selezionare il simbolo che era associato con la più bassa probabilità di perdere denaro e poi valutare l'accuratezza delle loro decisioni.

La fiducia si intensifica quando l'obiettivo è vincere denaro

I risultati iniziali hanno mostrato che la capacità di apprendere è statisticamente identica quando i partecipanti imparano a cercare guadagni e quando imparano a evitare perdite. D'altra parte, i partecipanti erano molto più fiduciosi quando si trattava di fare soldi piuttosto che evitare di perderlo. "C'è un aumento del 10% di fiducia!", Afferma Lebreton. Dato che il compito e le prestazioni erano le stesse, ci si dovrebbe aspettare livelli di confidenza simili. Questa differenza dimostra l'esistenza di un pregiudizio nei giudizi di apprendimento e di fiducia introdotti dal contesto economico.

Tuttavia, l'aumento della fiducia nel contesto del guadagno non è necessariamente una buona cosa. "È normale aumentare la fiducia durante il processo di apprendimento perché i partecipanti scelgono sempre più il simbolo più redditizio. Ma questo fenomeno si intensifica quando si tratta di perseguire il guadagno: i partecipanti finiscono per sovrastimare chiaramente le loro prestazioni. Questa sfiducia, che è di circa il 10%, non è presente quando si tratta di evitare di perdere denaro ", afferma Lebreton. In effetti, in un contesto negativo, le persone tendono a dubitare delle loro scelte, il che significa che le valutano in modo più accurato. "Ma questo dubbio potrebbe trasformarsi in ansia e potenzialmente rendere i partecipanti alla fine perde la loro fiducia".

Quando si tratta di imparare, cosa c'è di meglio: la carota o il bastone?

I ricercatori dell'UNIGE hanno scoperto che siamo più fiduciosi nelle nostre decisioni ed eseguiamo le nostre scelte più rapidamente se stiamo inseguendo una ricompensa, ma siamo più flessibili quando cerchiamo di evitare di essere puniti.

La paura di perdere rende le persone più flessibili

La metà dei partecipanti ha partecipato ad un secondo esperimento: i ricercatori hanno invertito la qualità dei simboli, rendendo il migliore il peggiore. I partecipanti nel contesto del guadagno finanziario hanno avuto più difficoltà a notare questo cambiamento e ad adattarsi, mentre quelli nel contesto della perdita finanziaria hanno notato rapidamente il cambiamento ed erano flessibili. "Questo è probabilmente il risultato dell'evoluzione: quando c'è un pericolo, devi pensare velocemente e adattare le tue decisioni, mentre quando tutto va bene, cerchiamo di mantenere la situazione positiva", spiega Lebreton. Ciò implica che il desiderio di guadagno induce una certa inflessibilità tra gli studenti, i quali pensano che ciò che ha pagato una volta pagherà sempre.

Questi risultati dimostrano che l'insegnamento dovrebbe essere adattato a ciò che vogliamo che un individuo apprenda e in che modo. "Il contesto di apprendimento è cruciale. La paura della perdita rende le persone ansiose e cominciano a dubitare delle loro scelte; eppure offre anche maggiore flessibilità e precisione. Il richiamo del profitto, d'altra parte, aumenta la fiducia in se stessi e il benessere, ma riduce la nostra capacità di fare valutazioni. Quindi si tratta di trovare un equilibrio tra i due elementi ", prosegue il ricercatore di Ginevra.

"Abbiamo anche scoperto che i partecipanti hanno fatto le loro scelte più velocemente nel contesto positivo rispetto al negativo." Di conseguenza, è una buona idea elencare le diverse forme di apprendimento per vedere quale tipo di priorità privilegiare la velocità, la sicurezza o l'accuratezza? E poi scegliere tra ricompensa e punizione a seconda dell'obiettivo da raggiungere.

Gli scienziati cercheranno ora di determinare quali aree del cervello sono correlate alla perdita e al guadagno e quali aree influenzano la fiducia. Saranno quindi in grado di vedere come comunicano tra loro e influenzano i nostri giudizi e le nostre decisioni.

 

 

Fonte: www.unige.ch